Nuove pavimentazioni per il porto di Monìga del Garda

La riqualificazione della zona ha impiegato pavimentazioni architettoniche effetto lavato o ghiaia a vista

Con il preciso intento di rendere il più possibile permeabile la vista verso il lago e la penisola di Sirmione e di preservare la vegetazione adulta esistente, è stata ideata e realizzata la riqualificazione del Porto Monìgia del Garda, situato sulla sponda bresciana del Benaco.
L'area interessata dai lavori è stata di circa 4.500 mq comprensiva del bar-biglietteria, delle aiuole, del prato, dei camminamenti e dei moli.
Il giardino urbano, avendo la stessa quota della banchina del porto, è stato abbassato rispetto alla situazione preesistente, mentre la scelta dei materiali è ricaduta sull'utilizzo di pietre naturali, cubetti di granito grigio per la pavimentazione della strada comunale di accesso al porto e pavimentazione architettonica con effetto ghiaia a vista realizzata con sistema di diverse colorazioni: inerte grigio tondo di fiume per i camminamenti e inerte granulato di Botticino per i moli, per un totale di circa 1.500 mq.
Al chiosco adibito a bar e biglietteria Navigarda è stata data una forma curva, con le pareti di chiusura rivolte verso nord mitigate da un rivestimento in listelli di legno colorati con tinte verde-giallo, il fronte verso lago è stato realizzato, invece, con ampie vetrate scorrevoli affacciate sul plateatico.
La proposta è stata accuratamente studiata dai progettisti in modo da armonizzare la nuova soluzione con il contesto turistico del porto e le alberature esistenti. Ovviamente non si è voluto tralasciare l'aspetto estetico, cercando di dare un taglio più moderno all'intera zona.
Per questo motivo il disegno architettonico delle pavimentazioni, dei camminamenti e dei moli ha previsto zone pavimentate con effetto ghiaia a vista: le due diverse colorazioni di inerte permettono di sposare al meglio le esigenze estetiche richieste dalla progettazione con quelle, non meno importanti, di durabilità, sicurezza, riduzione delle operazioni di manutenzione e, non ultimo, il contenimento dei costi di realizzazione.
Le diverse zone, con differenti colorazioni, sono state delimitate da lame in acciaio zincato fissate sul massetto di sottofondo, permettendo così di realizzare forme curvilinee molto gradevoli dal punto estetico, che rendono i percorsi più movimentati, armonizzandosi con la vegetazione esistente.

L'articolo è stato pubblicato a pag 61 del n.621/2015 di Quarry and Construction...continua a leggere

Share